Benevento-Juventus: Top&Flop

A Morata risponde Letizia

Scritto da Andrea Palmisciano  | 

Top

Morata

Continua ad essere un riferimento per tutta la squadra, sia nella fase di finalizzazione che come preziosa fonte di gioco per i compagni che lo cercano molto, soprattutto quando non si riesce a passare dai centrocampisti. Fa uno splendido gol col mancino, sbaglia anche qualcosa, ma si conferma tra i più attivi della squadra.​​​​​​​

Chiesa

Non una prestazione perfetta, poiché fa spesso tanta confusione, però si rende protagonista di giocate decisive - tra cui lo splendido assist a Morata - e altre non sfruttate dai compagni. In generale, nella confusione della manovra bianconera, riesce a creare scompiglio nella difesa avversaria prendendo spesso il fondo anche partendo da fermo.

Flop

Cuadrado

Dopo una serie di partite ravvicinate, anche per lui inizia a mancare lucidità e infatti arriva una prestazione non all'altezza delle precedenti. Troppo monotono nella giocata, sicuramente non aiutato dal continuo cambio di posizione dovuto al fatto di avere un altro esterno (Chiesa) sulla stessa fascia, Juan è protagonista di una partita dove sbaglia tutto il possibile, risultando inconcludente davanti e pasticcione dietro.

Kulusevski

Posto che ci sarebbero altri sotto la sufficienza, penso che quella del fantasista svedese sia la più evidente, in quanto non riesce davvero a giocare un pallone utile dal momento della sua entrata in campo. Spesso goffo sul primo controllo, non entra con voglia e determinazione giusta, poiché uno con le sue caratteristiche fisiche può e deve fare la differenza quando entra a gara in corso. Paga sicuramente il fatto di dover giocare in una squadra che non può attaccare con 50 metri di campo davanti come faceva al Parma, dovrà imparare a districarsi anche in spazi stretti.

Pirlo

A mio parere è abbastanza evidente come la squadra attacchi più per giocate individuali che seguendo uno spartito preciso. Tuttavia, la colpa maggiore che gli attribuisco, è quella di non leggere minimamente i momenti della partite; Arthur fa due sciocchezze clamorose che costano il pareggio, ma non aveva fatto male in fase di possesso, e tolto lui la squadra ha perso l'unico cervello in mezzo al campo, andando molto più in confusione e attaccando senza criterio, con un Bentancur piuttosto evanescente. Anche il cambio di Chiesa è piuttosto inspiegabile, soprattutto per un Bernardeschi che, per l'ennesima volta, ha dimostrato di essere un giocatore limitato e che non cambia l'inerzia di una partita, mentre l'esterno ex Fiorentina, nella caotica manovra bianconera, aveva fatto vedere spunti interessanti e giocate di buon livello, mettendo più volte i compagni nelle condizioni di tirare in porta.


💬 Commenti