Cuadrado, panita express!

La prestazione di Juan Cuadrado (da terzino) vs Leverkusen sotto la lente di ingrandimento.

Scritto da Edoardo Di Nuzzo  | 

Niente Danilo, niente De Sciglio, nessun problema: ci pensa Juan a fare il terzino (e che terzino). Nella partita vs Leverkusen i numeri dicono:

- 79 tocchi (4° dopo Pjanic, Sandro e de Ligt)

- 41/48 passaggi completati (85%)

- 12 contrasti (10 vinti)

questa la sua heat map della partita:

Ora andiamo più nel dettaglio, entriamo dentro la partita del nostro terzino destro (titolare?). Nelle prime fasi della partita è esasperato il concetto di "attaccare in avanti" da parte di tutta la catena di destra della Juventus, a volte la cosa riesce, altre meno. Con palla a Wendell, è Khedira il primo a dover schermare la giocata del terzino sinistro del Leverkusen. Una volta alzatosi Sami, lo spazio lasciato vuoto dal tedesco è prontamente coperto da Cuadrado che accorcia molto in avanti, quasi in posizione di mezzala al fianco di Pjanic. Come in questo caso:

Altro esempio di questo accorciare in avanti in maniera esasperata è visibile in questa situazione. Palla al Leverkusen in uscita, Baumgartlinger cerca Volland ma la giocata viene letta benissimo dal colombiano che anticipa l'attaccante del Leverkusen e riconquista il pallone:

Molto più prudente, invece, è l'interpretazione del ruolo quando gli avversari si trovano a manovrare nella nostra metà-campo. Con palla opposta a sx, Cuadrado è ben allineato con gli altri compagni di reparto, ma vicinissimo a Bonucci. Prendiamo come esempio questa azione: palla ad Havertz sulla sx appena dopo la nostra metà-campo. Demirbay balla tra Alex Sandro e de Ligt, Alario è sotto gli occhi di Bonucci e Volland lo tiene Cuadrado:

Le scalate giuste, in questo caso, potrebbero anche essere con Sandro che stringe appena su Demirbay, de Ligt scala su Alario, Bonucci su Volland e Cuadrado è libero di andare a coprire più esternamente sul giocatore x avversario che attacca lo spazio inevitabilmente lasciato da Juan che tanto ci ha fatto male vs Atletico. Per caratteristiche del Leverkusen (gioco molto corto) non abbiamo sofferto, come al solito, il cambio gioco sul lato debole. Sarà curioso vedere come Sarri cambierà (e se cambierà), rinunciando ad una linea molto stretta, in favore di qualcosa di più elastico per contenere le galoppate degli esterni dell'Inter.

Questo è tutto quello che è stato fatto bene da Cuadrado, difensivamente. Analizziamo ora due situazioni nelle quali il colombiano si è trovato in difficoltà. La prima è questa, cambio di gioco (strano, eh!?) di Baumgartlinger su Havertz e Cuadrado è preso in mezzo dal talento del Leverkusen e da Volland che gli taglia alle spalle:

Cosa è che non va in questa azione? Cuadrado deve fare una scelta. O accorcia velocemente sullo stop di Havertz sporcandogli la giocata, oppure scappa subito insieme a Volland che taglia. Di solito il taglio è di chi lo vede (Bonucci e Khedira in questo caso), perciò l'ideale sarebbe stato Juan che attacca Havertz e Leo o Sami velocemente ad accorciare su Volland. L'azione termina con l'attaccante del B04 che crossa rimpallato da Bonucci.

L'altra situazione da rivedere è in fase di possesso del Leverkusen. I tedeschi riconquistano palla davanti alla propria area e ripartono. Qui vediamo Cuadrado ancora altissimo (più alto di Pjanic) che si fa prendere dalla foga e, senza temporeggiare, scivola facendosi saltare (letteralmente) da Volland. Da un terzino ti aspetti o un fallo tattico oppure una lettura più intelligente e meno istintiva:

In fase di possesso nostro, invece, Cuadrado può giocare mettendo in mostra tutte le sue qualità, dal dribbling all'attacco della profondità. Attacco della profondità fatto molto bene in questo frangente: palla ricevuta da Pjanic e Juan non ci pensa nemmeno un secondo, buttandosi dritto per dritto alle spalle della difesa tedesca:

E' stata una prestazione davvero interessante quella di Cuadrado contro il Leverkusen. Il colombiano ha dato l'idea di essere un giocatore meno istintivo e più propenso a letture, chiusure e diagonali da vero terzino. D'altronde con un maestro come Barzagli si può solo che imparare... 

 


💬 Commenti