Fiorentina-Juventus: Top&Flop

Non basta Morata per ribaltare una partita approcciata male

Scritto da Andrea Palmisciano  | 

 

Top

Cuadrado

È davvero un’impresa ardua trovare un giocatore che abbia offerto una prestazione di alto livello, e se qualcuno ha cercato di uscire fuori dalla mediocrità generale è sempre Cuadrado, che specie nel secondo tempo, quando viene abbassato nella posizione di terzino, gioca tanti palloni, alcuni con la solita qualità che ha contraddistinto la sua stagione. Mette a segno l’ennesimo assist della sua stagione, il numero 17, premiando l’inserimento in profondità di Morata. In generale, tutti i pericoli o potenziali tali passano dai suoi passaggi e dalla sua capacità di saltare l’uomo, anche da fermo, visto che i centrocampisti sono incapaci di servirlo sulla corsa.

Morata

In assenza di altro, premio Alvaro per il gol, nonostante neanche lui abbia offerto una prestazione memorabile. Segna in un momento importante, che poteva portare ad un secondo tempo diverso; tuttavia, la partita non cambia molto, tanto che la squadra finisce la gara con 1 tiro nello specchio della porta.

Flop

Pirlo

In una partita in cui - a parte i suddetti - non trovo delle prestazioni sufficienti, mi cimento in una riflessione sull’allenatore. Le idee che a inizio anno ha presentato erano affascinanti e ambiziose, forse fin troppo se relazioniamo il tutto alla sua capacità di trasmetterle ai giocatori e anche al patrimonio tecnico a disposizione. La realtà ci mostra una squadra estremamente prevedibile, specie contro difese schierate e, in generale, contro squadre che chiudono bene i corridoi centrali. La totale incapacità dei centrocampisti di muovere una difesa schierata o cercare l’imbucata è un difetto strutturale della rosa – da imputare principalmente a Paratici – ma l’ostinazione con la quale Pirlo ha continuato a proporre Bentancur e Rabiot è disarmante, non ponendo rimedio neanche gara in corso. La formazione iniziale proposta contro la Fiorentina è l’emblema di come l’improvvisazione regni sovrana, di come non si conoscano – o si analizzano male – le caratteristiche dell’avversario, perché non è possibile schierare 5 difensori contro una squadra che sai come giochi sempre con un baricentro basso. Far uscire Dybala al 45’ e tenere Ramsey in campo fino al 70’ è qualcosa che difficilmente puoi anche solo pensare, soprattutto se devi recuperare. Avere il pugno duro verso alcuni giocatori che hanno uno status importante, può anche essere un segnale per farti considerare maggiormente dal gruppo, e l’anno scorso, le volte in cui Ronaldo fu sostituito, portarono 2 vittorie su 2, una in campionato e una in Champions. In generale, oltre alla più che preventivabile inesperienza, Pirlo sta palesando poco carattere nel prendere decisioni forti, e nel porre rimedio a gara in corso quando la partita non va come programmato.

 


💬 Commenti