I Top&Flop di Roma-Juventus

Prestazione opaca all'Olimpico

Scritto da Andrea Palmisciano  | 

 

Top

Danilo

Una delle note positive di questo inizio campionato. Il ruolo ibrido da terzo centrale che scivola sull'esterno solo in fase di non possesso lo aiuta a nascondere i limiti nel dare ampiezza e gli consente di partecipare maggiormente alla costruzione dal basso, sfruttando spesso quelle sovrapposizioni interne che, soprattutto con Guardiola, gli venivano chieste per aiutare il centrocampo e creare superiorità in mezzo. Bello anche l'assist per il 2 a 2 quando passa a fare il terzino classico.

Ronaldo

Sbaglia ogni pallone in appoggio e partecipa poco e male alla costruzione della manovra, ma si riscatta con un rigore perfetto che riporta momentaneamente la squadra in parità. Sale in cielo per il 2 a 2 finale, con un colpo da autentico fenomeno.

 

Flop


Chiellini

Costantemente in difficoltà nell'accorciare in avanti, il capitano bianconero si lascia saltare con estrema facilità in più occasioni, e in generale non dà sicurezza al reparto.

Bonucci

Vale lo stesso discorso fatto per il compagno di reparto, con l'aggravante di non cercare neanche di fermare gli attaccanti avversari nell'1vs1. Impreciso anche in impostazione.

Rabiot

È estremamente lento e cocciuto sia nella gestione del pallone che nello scarico, dove fa sempre un tocco in più prima di liberarsi della sfera. A volte ne esce vittorioso perché comunque fa valere il fisico possente, ma in generale dà la sensazione di sfruttare male il proprio corpo, andando a fare falli stupidi - come quello di ieri - proprio per questa sua caratteristica.

McKennie

Brutta prestazione anche per il nuovo acquisto bianconero, che appare confusionario e avventato quando deve andare in pressing, dove viene costantemente saltato e preso alle spalle. È anche vero che gli viene chiesto un compito non suo, perché non gli si può chiedere di far partire l'azione da dietro abbassandosi tra i due centrali e, al tempo stesso, di portare il primo pressing sugli avversari.

Morata

Arrivato da pochi giorni, l'attaccante spagnolo viene subito schierato titolare, ma non riesce a incidere sulla gara. Non trova mai la posizione giusta, non fa movimenti utili ai centrocampisti e, in generale, non riesce a gestire i palloni che riceve spalle alla porta. Posto che quelle descritte non sono proprio le specialità di Morata, a mio parere è anche la coppia con Ronaldo ad essere poco compatibile, in quanto entrambi fanno movimenti simili e nessuno dei due ha la capacità di collegare i due reparti di centrocampo e attacco.


💬 Commenti