Juventus-Napoli: Top&Flop

Promossi e bocciati della sfida dello Stadium

Scritto da Matteo Pine  | 

 

TOP

Douglas Costa: partita iconica del nostro esterno brasiliano rivitalizzato dalla cura Sarri. This is Douglas, una spina nel fianco per 94 minuti capace di farti partire 1-0 ogni partita grazie ad assist al bacio. Ieri, come a Parma, è stato protagonista anche di numerosi ripiegamenti difensivi elevandosi a miglior esterno della Serie A. 

Sami Khedira: “Khedira oggi sembra Zidane”. Questa una frase che è girata nella redazione (non sobria di Sabato sera) di Live Bianconera. Sami si è reso protagonista di numerose sortite offensive, fermato solo da Meret e dalla traversa. Non sbaglia mai la posizione, è sempre nel posto giusto al momento giusto... per 60 minuti. Se preservato fisicamente avremo un centrocampista di livello assoluto per tutto il campionato. Professore 

Gonzalo Higuain: È entrato in campo con gli occhi della tigre e la zampata vincente è arrivata. Un gol d’autore, una sterzata che ci riporta indietro di due anni, come se il tempo non fosse mai trascorso. Pepita d’oro. 

FLOP

Matthjis De Ligt: “Abbiamo buttato 75 milioni”. Se avete pensato questa frase vi state sbagliando, perché Matthijs non è quello visto ieri sera. Non scordiamoci che stiamo parlando di un diciannovenne e che l’emozione può fare brutti scherzi, anche se hai già giocato una semifinale di Champions League. Migliorerà e diventerà uno dei migliori al mondo anche grazie a serate come questa.

Emre Can: fuori Khedira, dentro Emre e cade il castello. Chissà se uno tra lui e Bentancur non rischi di essere tagliato dalla lista Champions.

I Tifosi dello Stadium: cantare ‘O Surdat ‘nnamorat fa cadere tra le braccia di Morfeo la difesa juventina che si addormenta dopo il coro di Aniello Califano. In due parole: porta sfiga.


💬 Commenti