Spal-Juventus 1-2: Top&Flop

Si torna a vincere in trasferta

Scritto da Andrea Palmisciano  | 

 

Top

 

Cuadrado

Juan in questa Juve fa tante cose, e non solo a livello di ruolo, ma anche all'interno della stessa partita, per cui spesso appare un po' confusionario, soprattutto sulle scelte di passaggio. Tuttavia, da un paio di anni, è comunque l'unico esterno affidabile di ruolo all'interno della rosa, e ha caratteristiche importanti e utili soprattutto a una squadra mediamente lenta e compassata. Juan, infatti, riesce a dare ampiezza, a farti risalire il campo con accelerazioni improvvise, ed è fondamentale per questo nuovo 433 di Sarri, soprattutto per compensare i movimenti di Ramsey. Contro la Spal, risulta il secondo giocatore bianconero per dribbling completati, e uno di quelli a mandare più volte al tiro un compagno. Sfiora il gol, dà un assist al bacio a Ronaldo, e si candida per una maglia da titolare insieme a Cr7 e Dybala per la trasferta di Lione.

 

Ramsey

Più che la continuità della prestazione, bisogna premiare il fatto che il gallese riesca ad essere determinante nelle giocate che decidono la gara. È ancora lontano dal contributo che pensavo potesse dare alla squadra, ma da mezz'ala i miglioramenti sono stati palesi fin da subito, soprattutto per il coinvolgimento nella manovra bianconera, dove si trova a giocare molti più palloni di quanto non facesse da trequartista. È lui a innescare Cuadrado con un gran passaggio sulla corsa che poi porterà al gol di Ronaldo, ed è sempre lui ad iniziare l'azione del secondo gol, girando di prima un passaggio di ricevuto da De Ligt e andando a inserirsi nello spazio creatosi nella difesa della Spal, sfruttando l'assist al bacio di Dybala, e concludendo con un tocco morbido delizioso. Gli va data continuità, perché potenzialmente è l'unica mezz'ala con tanti gol nelle gambe.

 

Alex Sandro

Il terzino brasiliano, che per forza di cose non riesce a saltare una partita a causa dell'assenza di un sostituito, disputa un'ottima gara, dove oltre a un gran lavoro difensivo aggiunge almeno 2-3 occasioni create per i compagni, con sovrapposizioni sempre puntuali e una reattività importante in ogni zona del campo. Sono ben 6 i passaggi chiave (passaggi che portano al tiro un compagno), e risulta anche il primo per dribbling completati (3 su 4 tentati).

 

Dybala

Non segna, ma anche oggi risulta decisivo con l'assist al bacio che chiude la partita, premiando un grande inserimento di Ramsey. In generale, appare imprescindibile per questa squadra, per come galleggia tra centrocampo e attacco, per come riesce a fornire sempre una soluzione di passaggio ai centrocampisti. Sfortunato in occasione del palo, il gol sarebbe stato il giusto premio per l'encomiabile lavoro che svolge in ogni partita.

 

Bentancur

È sicuramente il giocatore che è migliorato maggiormente nella gestione Sarri, basti pensare alla prima partita giocata contro il Verona in questa posizione da vertice basso - dove viene sostituito a inizio secondo tempo - e come gioca adesso sì da mezz'ala, ma anche da regista. Aggressivo sul recupero palla (3 intercetti per lui), propositivo nell'impostazione della manovra (94 tocchi con il 90,4% di precisione e 4 passaggi lunghi su 5 tentati). Forse avrebbe bisogno di una partita dal più alto coefficiente di difficoltà per avere delle risposte più concrete su un suo utilizzo in questa posizione, ma ad oggi sta dimostrando di poterlo fare, e magari potrebbe anche essere stimolante per Pjanic trovare una concorrenza seria nel suo ruolo.

 

Flop

 

Rugani

Dispiace inserirlo tra i peggiori, perché comunque non fa malissimo e la Juve rischia mediamente poco. Tuttavia, riaprire una partita del genere, con un intervento maldestro e in un momento dove gli avversari erano totalmente fuori dalla partita, non può essere ammissibile, specie se poi ti trovi a farlo in partite di livello più alto, dove far rientrare mentalmente in partita gli avversari può essere letale.

 


💬 Commenti