Juventus-Ajax, la conferenza stampa di Allegri

Il tecnico livornese presenta la sfida alla vigilia

Scritto da Giulia PjacaPulita  | 

Domani 16 aprile 2019 a Torino si terrà la sfida di ritorno dei quarti di finale di Champions League contro gli olandesi dell'Ajax.
Il mister Massimiliano Allegri si è presentato ai microfoni dei giornalisti accompagnato da Emre Can, il quale è stato dunque recuperato dall'infortunio che lo aveva tenuto lontano dai compagni scesi in campo ad Amsterdam.

L'infortunio tendineo di Mandzukic ha creato molti dubbi sulla possibile formazione in attacco bianconera, ai quali Allegri ha così risposto: "non sconvolge nulla perché c'erano molte probabilità che rimanesse fuori. Ora devo solo decidere chi far giocare al suo posto. Domani può giocare Kean dal primo minuto, Dybala dal primo minuto o nessuno dei due. Se gioca uno tra Kean e Dybala normale che uno tra De Sciglio e Cancelo sta fuori. Se non gioca nessuno dei due può darsi che giochino De Sciglio e Cancelo insieme. Dipende da chi farò giocare domani, ma fino a domattina non decido niente."

Tuttavia, Douglas Costa può essere escluso da questa cernita: "dopo Amsterdam ha avuto un problema al polpaccio e non è nelle migliori condizioni. Speriamo che nella rifinitura mi dia garanzie per averlo mezz'ora. Perché anche mezz'ora o un quarto d'ora diventa determinante."

Sul confronto con la sfida di Torino del mese di marzo contro l'Atletico"Affrontiamo una squadra diversa. L'andata non conta, dobbiamo giocare per vincere. Dobbiamo avere rispetto dell'Ajax quando dovremo difendere e essere più lucidi nel giocare il pallone, cosa che laggiù abbiamo fatto meno bene. Se facciamo queste cose bene passeremo il turno, nonostante le difficoltà. Inutile stare a pensare, loro giocano, domani sarà una partita infinita. A prescindere da quello che sarà il risultato all'80' può succedere di tutto. Domani ci sarà bisogno di tutti, anche dei tifosi, perché si può raggiungere un grande traguardo, per spingere i ragazzi a qualcosa di importante. Come successo con l'Atletico, ma anche di più, perché ci saranno momenti in cui sarà necessario difendere e dovremo farlo tutti insieme. All'andata pensavo ci sarebbero stati gol e domani penso sarà sulla stessa falsa riga dell'andata. Dovremo essere attenti in tutte le fasi."

A loro volta, gli olandesi avevano giocato una grande partita a Madrid, eliminando dalla competizione i campioni uscenti del Real"domani bisognerà essere bravi a capire i momenti della partita. Loro a Madrid hanno fatto meglio che in casa. Forse perché dovevano recuperare, forse perché erano più spensierati, domani dovremo essere aggresivi. Domani ci sarà un colpo loro e un colpo noi, anzi meglio tre noi e uno loro. Bisogna creare i presupposti per passare sotto il punto di vista fisico, atletico e soprattutto tecnico, e sotto questo aspetto ad Amsterdam potevamo fare meglio."

Anche Spinazzola va escluso dall'undici titolare:"domani gioca Alex Sandro. Spinazzola ha fatto un'ottima partita contro l'Atletico e il dispendio di energie fisiche e mentali ha avuto un rimbalzo così alto che l'ha scaricato. Ma non è solo lui, anche lo stesso Rugani dopo Amsterdam l'abbiamo dovuto far riposare. Bisogna abituarsi a giocare queste partite, che poi ti restano nelle gambe e nella testa, quindi ci vuole un percorso per arrivare a poterle giocare tutte."

Infine, sul confronto tra Kean e Dybala:"le motivazioni bisogna averle, è un quarto di finale. Domani bisogna correre, che aiuta sempre, poi con la palla bisogna far bene e senza difendere altrettanto bene tutti insieme. L'aspetto motivazionale è fondamentale, ma qui non serve l'allenatore che lo dice. Può essere Kean e faremo una partita, Dybala e faremo una partita diversa, o un altro e ne faremo una diversa ancora. Bisogna essere bravi a uscire dalla prima pessione, cosa che ad Amsterdam non abbiamo fatto benissimo e domani dovremo fare meglio."


💬 Commenti