Juventus-Spezia: Top&Flop

L'ingresso di Morata e Bernardeschi cambia la partita

Scritto da Andrea Palmisciano  | 

 

Top

Chiesa

Continua ad essere l'uomo in più della squadra in questo momento. Un moto costante che incide regolarmente in termini di gol e assist, sia nelle gare dove viene coinvolto che in quelle difficili per il resto della squadra, il tutto su entrambe le fasce. È già arrivato a 10 gol fra tutte le competizioni, a cui dobbiamo anche aggiungere 6 assist. Il gol di ieri, è indicativo del tipo di giocatore, un ragazzo che ha fame di vittoria, e lo dimostra con la cattiveria agonistica che mette su ogni pallone. A differenza di quanto pensassi inizialmente, sta incidendo molto più nell'ultimo terzo di campo, più che sulla manovra in generale; infatti, non sembra a proprio agio quando deve toccare palla in zone troppo arretrate, in compenso la Juve sembra aver trovato un ottimo attaccante esterno. Ieri, come si vede dall'immagine seguente, è stato mediamente più alto dei due attaccanti durante la partita.

Danilo 

Non comincia benissimo, ma va in continuo crescendo, offrendo sempre una soluzione di passaggio pulita, con sovrapposizione sia interne che esterne. Dietro è uno dei migliori a giocare la palla, e lo fa con una naturalezza che, purtroppo, non appartiene ai suoi compagni di reparto. Inoltre, come suddetto, è uno dei pochi giocatori che interpretano ogni situazione muovendosi di conseguenza, senza rimanere focalizzato esclusivamente sul ruolo. 91% di precisione nei passaggi, 9 palle lunghe su 10 tentate.

Alex Sandro

Un'ottima prova in un ruolo che, chissà, potrebbe anche vederlo protagonista in futuro. Avendo perso quella spinta che aveva caratterizzato i suoi primi anni alla juve, non mi dispiacerebbe una sua eventuale evoluzione da centrale difensivo, poiché è uno dei migliori colpitori di testa che abbiamo in rosa, ha fisico per reggere nei contrasti, e risolverebbe il problema del centrale mancino, sempre utile per giocare da dietro con maggiore pulizia tecnica. In realtà aveva offerto un'eccellente prestazione anche contro il Verona, macchiata poi da un singolo errore sul gol, in cui però condivideva parte delle colpe con altri compagni di reparto.

Bernardeschi

Finalmente una prestazione dove riesce ad incidere, e non con chissà quali giocate cervellotiche. Appena entrato, infatti, va ad attaccare quello spazio alle spalle della difesa dello Spezia, spazio che inspiegabilmente pareva non essere neanche visto da Frabotta in precedenza, troppo timido nell'allungare la squadra. Due volte fa male alla difesa avversaria, andando a prendere il fondo e mettendo la palla in mezzo; poi, fa la sua diligente partita difensiva.

Morata

Fa capire in pochi minuti come questa squadra difficilmente possa fare a meno di lui, poiché ha delle caratteristiche uniche in rosa. Il movimento sul primo gol è emblematico, ma in generale, questa squadra risulta terribilmente statica senza lui in campo, non c'è nessuno che detta il movimento in profondità, ed è quindi difficile anche per centrocampisti ed esterni. Un gol che gli può dare fiducia in un momento complicato.

Flop

Rabiot

Neanche ieri, a mio modo di vedere, il centrocampista francese riesce ad offrire una prestazione sufficiente, anzi, proprio in relazione al tipo di partita, delude ancora di più. La squadra di Vincenzo Italiano ha attaccato per tutta la partita con un baricentro alto, lasciando buchi enormi tra centrali e terzini, spazi che uno con le sue caratteristiche poteva sfruttare sia andandoli ad attaccare personalmente, sia provando ad innescare l'esterno sinistro (Frabotta) con dei lanci lunghi. Non fa nessuna delle due cose, limitandosi come sempre a un possesso palla orizzontale ed estremamente conservativo.

McKennie

Poco lucido sia nel palleggio che nelle scelte davanti, non riesce più ad incidere come nei mesi scorsi, complice anche un problema all'anca che, a detta di Pirlo, lo sta condizionando nelle prestazioni.


💬 Commenti