Cosa ci lascia Juve-Bayer Leverkusen

Primo test superato, in una settimana complessa

Scritto da Fabio Villani  | 

 

- La sensazione di vincere una partita di Champions 3-0 senza alcun tipo di patemi contro una squadra gagliarda come il Bayer Leverkusen. Per i soli numeri negli ultimi anni le partite casalinghe contro le squadre di terza fascia del girone abbiamo prodotto questo tipo di punteggi:

Juventus-Shakhtar 1-1 (stagione 2012-13)

Juventus-Galatasaray 2-2 (stagione 2013-14)

Juventus-Olympiakos 3-2 (stagione 2014-15)

Juventus-Borussia Monchengladbach 0-0 (stagione 2015-16)

Juventus-Lione 1-1 (stagione 2016-17)

Juventus-Sporting Lisbona 2-1 (stagione 2017-18)

Juventus-Valencia 1-0 (stagione 2018-19)

 

In sostanza: ai gironi non abbiamo mai vinto con tranquillità, con questa tranquillità, una partita di Champions con quel tipo di squadre che stanno tra l'abbordabile e la squadra che può darti delle difficoltà nel momento in cui le affronti. Anche volendo fare i risultatisti, c'è da notare un cambiamento. Il terzo gol, segnato da Ronaldo, ci da inoltre un piccolo vantaggio anche nella classifica del nostro gruppo (l'Atletico ha vinto, ma solo 0-2 sul campo della Lokomotiv Mosca).

- Volendo spendere qualche parola sulla prestazione: il cambio di passo tra primo e secondo tempo l'abbiamo visto sia contro la Spal che contro il Bayer. Sinceramente non mi sono ancora fatto un'idea sui motivi dei primi tempi piuttisto compassati della Juve: semplice gestione delle forze o ancora poca abitudine a iniziare con un approccio aggressivo la partita? Di sicuro sono certo che a San Siro la Juventus dovrà reggere l'urto della determinazione che ci metterà l'Inter. Se conosco bene Antonio Conte l'uomo che proverà a mettere più in difficoltà sarà Pjanic, quindi il ruolo delle due mezzali sarà fondamentale per liberare la pressione che riceverà il calciatore bosniaco. Andare a San Siro sia con Khedira che con Matuidi potrebbe essere un rischio?

- Due personalissimi MVP: Gonzalo Higuain, che oltre ad aver segnato un gol in Champions dopo 2 stagioni è entrato anche nell'azione del secondo gol, e Matthijs De Ligt. La sua presenza cambia radicalmente l'assetto difensivo dei bianconeri. Non siamo ancora perfetti in alcune uscite e Sarri per me non è ancora completamente soddisfatto della continuità all'interno di una partita ma raramente ho visto una Juve che vuole provare a tenere così alta la difesa. 

- Oggi Dybala è subentrato a partita in corso e ha piazzato un altro assist a Cristiano Ronaldo. Tra lui e il Pipita sarà ballottaggio continuo quest'anno, ed è un bene per la Juventus se la concorrenza è alta e la meritocrazia è il valore scatenante della scelta dei titolari. Cerco di essere molto riassuntivo: si, Dybala sa ancora giocare discretamente a pallone. Si, la storia di Ronaldo che necessita per forza di cose un centravanti fisico era una discreta boiata (come i paragoni tra Mandzukic e Benzema). Si, Ronaldo e Dybala possono giocare insieme. Deal with it.

- Abbiamo passato l'estate a parlare di Cancelo (andato poi al City), Danilo e De Sciglio. E alla fine per il posto di terzino destro the winner is...l'insospettabile, l'indecifrabile Juan Cuadrado.


💬 Commenti